Vasi, Pacorig, Grillini: PERFAVOREFREE! | Playtime

PlayTime è la rassegna del venerdì dedicata all’improvvisazione per scoprire il gioco nella musica, tra session live irripetibili e contaminazioni artistiche. Musicisti, illustratori, video artisti di incroceranno in modo del tutto imprevisto e imprevedibile per dare sfogo alla propria libertà artistica.

Ospite di questo appuntamento un trio inedito, in cui i monelli del jazz d’avanguardia Vincenzo Vasi e Giorgio Pacorig, incontrano il poliedrico e imprevedibile Andrea Grillini e si trasformano, da alfieri del piano bar post’atomico, in pionieri dell’improvvisazione radicale, terra sconfinata dove tutto è permesso. Tutto, tranne il cattivo gusto.
Ingresso libero.

 

GLI ARTISTI

Vincenzo Vasi, polistrumentista, compositore versatile e dallo stile surreale – suona, infatti basso, theremin, marimba, vibrafono, elettronica, giocattoli e voce – è considerato uno dei musicisti più eclettici nell’ambito delle musiche eterodosse e non. Il suo stile spazia trasversalmente toccando vari generi, dalla sperimentazione elettronica sino al pop d’autore, passando dal jazz el minimalismo e improvvisazione radicale.Attivo sin dal 1990 nell’ambito della musica di ricerca con diversi progetti; il suo nome compare in più di cento incisioni discografiche. Collabora stabilmente con Vinicio Capossela, Mike Patton, Mauro Ottolini e Sousaphonix, Tristan Honsinger, Roy Paci; quest’ultimo è il produttore dell’album Vince Vasi QY Lunch (Etnagigante / v2).

Giorgio Pacorig, nato il 25 marzo del 1970, inizia a suonare il pianoforte all’età di otto anni. È diplomato in pianoforte al conservatorio “G. Tartini” di Trieste. Nel 1991 partecipa ai seminari di “Siena Jazz”, nel 1993 prende parte a un Workshop tenuto da Muhal Richard Abrams e Roscoe Mitchell a Trento. Dal 1989 svolge un’intensa attività sia come pianista-tastierista che come compositore dando vita a numerose formazioni musicali che spaziano dal jazz alla musica elettronica, dalla musica per film alla musica improvvisata e ha modo di collaborare con numerosi musicisti di varia estrazione e provenienza.Tutte queste esperienze lo portano a suonare negli “spazi musicali” più vari, dai jazz clubs ai centri sociali dalle rassegne di teatro ai festival jazz sia in Italia che all’estero.Ha al suo attivo una cinquantina di incisioni discografiche, sia come leader che come session man.

Andrea Grillini – batterista/percussionista, compositore e improvvisatore della scena musicale bolognese – si forma nel centro musicale di Ozzano dell’Emilia con il maestro G.Capitanio e dall’insegnante di batteria Christian Rovatti. Successivamente frequenta corsi privati dal maestro Mauro Gherardi e in contemporanea il CPM di Milano con i professori Max Furian, Walter Calloni e Christian Meyer.Negli anni successivi partecipa a vari seminari di jazz e di Improvvisazione.Inizia nel 2007 un’intensa attività di live che lo porta a collaborare in Italia e all’estero con molti musicisti nazionali e internazionali.Ha preso parte alla «Human Rights Nights Film Festival» del “Soweto Art Festival” suonando in tour in varie città del Sud Africa.Dal 2012 ad oggi ha partecipato a numerosi festival in Italia e all’estero.

Qui l’evento Facebook.

Ingresso libero.