Visual Acoustics – The modernism of Julius Shulman

Torna per il secondo anno ARCHITEXTURE | Visioni tra Design e Architettura  la rassegna a cura dell’Ordine degli Architetti di Bologna e Kilowatt, dedicata al mondo del design e dell’architettura. Il tema di questo quarto appuntamento è architettura e fotografia.

Programma della serata:

Ore 20.15 – registrazione CFP per architetti:La partecipazione ad ogni singolo incontro prevede il riconoscimento di CFP per gli architetti. Per ulteriori informazioni: http://www.archibo.it/ 

Ore 20.45 – inizio serata: intervento di Gianpaolo Arena.

Ore 21.30 – inizio proiezione. Tutte le proiezioni in lingua originale sottotitolate in italiano.

L’INTERVENTO

Gianpaolo Arena è architetto, curatore e fotografo, sviluppa progetti di ricerca su tematiche ambientali, documentarie e sociali. Dal 2010 è editore del magazine di fotografia contemporanea internazionale Landscape Stories con cui coordina campagne fotografiche sul territorio, workshop, progetti editoriali ed espositivi. Dal 2013 è curatore del progetto CALAMITA/À, una piattaforma di indagini e ricerche sui territori del Vajont, di cui nel 2016 è stato pubblicato il libro The Walking Mountain. L’intervento, dal titolo La misura dello spazio, affronterà il tema dello spazio della fotografia e quello dell’architettura, del tempo letterario e quello cinematografico. Un percorso mobile fatto di immagini che favoriscono un dialogo aperto e libero tra storia, tempo e fotografia. Una dimensione di relazioni dove poter connettere e incoraggiare rappresentazioni del passato e contemporanee.

IL FILM

Visual Acoustics – The modernism of Julius Shulman 
(USA/ 2008, 83′) di Eric Bricker

Visula Acoustics celebra la vita e la carriera di Julius Shulman, uno dei più importanti fotografi d’architettura del mondo, le cui immagini hanno portato l’architettura moderna alla corrente americana. Shulman, che è morto all’età di quasi 100 anni nel 2009, ha catturato l’opera di quasi tutti gli architetti moderni e progressisti fin dagli anni ’30 tra cui Frank Lloyd Wright, Richard Neutra, John Lautner e Rudolph Schindler. Le sue immagini immortalarono la singolare bellezza del movimento modernista della California meridionale e portarono le sue strutture iconiche all’attenzione del grande pubblico.

All’uomo e artista Julius Shulman (1910-2009) è dedicato questo pluripremiato documentario del regista-produttore-musicista Eric Bricker, che definisce Shulman con emozione e rispetto suo “mentore e amico”. Nelle sue splendide foto di architettura Shulman ha riversato la passione per il Modernismo e i suoi esponenti, fossero essi architetti di grido o giovani e sconosciuti ma talentuosi allievi. Oltre che dalle immagini, è attraverso le sue parole e le testimonianze di amici e collaboratori che acquistano sullo schermo una emozionante evidenza le più innovative e audaci costruzioni del ‘900, opere di artisti quali Richard Neutra, Frank Lloyd Wright, Raphael Soriano, Rudolf Schindler, Pierre Koenig, Mies van der Rohe e molti altri. Lo spazio architettonico, e l’interagire di esso col paesaggio naturale e con l’elemento umano, dice Shulman nelle sequenze iniziali del film, ci circonda e informa di sé le nostre vite. Innegabile è il talento del regista nel farci condurre dalle riflessioni del grande fotografo – acute, mai accademiche, vibranti di passione e curiosità per tutto ciò che lo circonda – in un affascinante viaggio tra le architetture del Sud America, dell’Europa, dell’Asia e dell’amata California. Julius Shulman le ha sapute immortalare con suprema eleganza compositiva praticamente fino al 1986, anno in cui l’avversione al post-modernismo lo induceva a ritirarsi a vita privata. Miglior documentario al Palm Springs International Film Festival, Audience Award all’Austin Film Festival, Grand Jury Prize al Lone Star Int. Film Festival.

Ingresso gratuito.

Tutti gli appuntamenti di ARCHITEXTURE: 3 luglio10 luglio, 17 luglio, 24 luglio e 31 luglio.

 

Qui l’evento Facebook.